Tag Archives: environment

biodiversity-threat-1

Humans: the real threat to life on Earth.

Humans: the real threat to life on Earth

Stephen Emmott – The Observer, Sunday 30 June 2013   

If population levels continue to rise at the current rate, our grandchildren will see the Earth plunged into an unprecedented environmental crisis, argues computational scientist Stephen Emmott in this extract from his book Ten Billion

Earth is home to millions of species. Just one dominates it. Us. Our cleverness, our inventiveness and our activities have modified almost every part of our planet. In fact, we are having a profound impact on it. Indeed, our cleverness, our inventiveness and our activities are now the drivers of every global problem we face. And every one of these problems is accelerating as we continue to grow towards a global population of 10 billion. In fact, I believe we can rightly call the situation we’re in right now an emergency – an unprecedented planetary emergency.

read more…

CONFERENZA DI RIO SUL CLIMA

IL FALLIMENTO DELLE POLITICHE AMBIENTALI

L’ILLUSIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

Oggi 20 giugno 2012 prende il via a Rio de Janeiro la Conferenza Internazionale dell’Onu sul clima.

Il vertice che si concluderà il prossimo al 22 giugno sembra già destinato  al fallimento.

L’assenza del presidente Usa Barack Obama, della cancelliera tedesca Angela Merkel e del primo ministro britannico David Cameron, la dice lunga sull’importanza che danno ai problemi ambientali i paesi più industrializzati.

A 20 anni dalla Conferenza del 1992 svolta sempre a Rio, se si escludono molti buoni propositi, sembra che niente sia cambiato.

La finanza il profitto e la crescita infinita, restano sempre gli assi su cui i paesi industrializzati contano di impegnarsi.

In nome della crisi, ogni scelta drastica a favore della riduzione dei gas serra, delle politiche ecologiche, risulta un costo.

Si continua ad inseguire un modello di sviluppo che ha fallito, senza considerare i costi ambientali che saremo costretti ad affrontare nei prossimi anni se non invertiamo la rotta, avviando la transizione verso una società ecologica.

Fino a quando non matureremo la consapevolezza che l’attuale sistema economico non regge più, che è necessario decolonizzare il nostro immaginario legato alla crescita allo sviluppo al profitto e al consumo; fino a quando non capiremo che le risorse disponibili sul nostro pianeta non sono sufficienti a garantire una società dell’opulenza, sarà difficile superare quella che tutti chiamano crisi.

Costruire una società della decrescita rappresenta una necessità per la sopravvivenza della vita sulla terra.

Non possiamo continuare a curare una malattia se la medicina che somministriamo la peggiora.

 

Pachamamalab San Severo (FG)